Gianni Berengo Gardin – Gran Bretagna

Le foto dei Maestri
Rispondi
Avatar utente
Carlo Riggi
Messaggi: 2230
Iscritto il: mar gen 16, 2018 12:27 pm
Località: Milazzo
Contatta:

Gianni Berengo Gardin – Gran Bretagna

Messaggio da Carlo Riggi » sab dic 08, 2018 5:36 pm

2376
Gianni Berengo Gardin – Gran Bretagna, 1977


È la foto di gran lunga più famosa di Berengo Gardin. La si riconosce a prima vista, cattura lo sguardo, appaga immediatamente. Eppure, a ben guardare, si tratta di una fotografia tutt’altro che speciale. Il soggetto è una normale utilitaria, assai diffusa oltremanica negli anni ’70. La posa è del tutto simmetrica, con l’auto al centro e la linea dell’orizzonte a tagliare a metà il fotogramma. Il bianconero bello, ma non “da urlo”, niente di più di quel che ci si aspetta da un maestro della camera oscura. Un cielo nuvoloso, abbastanza usuale per quelle latitudini - siamo nel nord dell’Inghilterra -, e un mare né tranquillo né agitato. Anonimo. Tutto molto fermo, tutto molto prevedibile, ordinario. Eppure questa foto “buca”. E’ la prima che viene in mente, a tanti suppongo, quando si pensa al maestro veneziano. Bisogna pensare quindi che questa immagine, nella sua semplicità, possieda una particolare valenza archetipica, una capacità di comunicare significati ed emozioni in modo istintivo, naturale e immediato.
Forse è proprio la sostanziale immobilità della scena a comporre il messaggio forte, che arriva alla pancia ancor prima di passare per la testa. La perfetta simmetria della scena ci permette di sintonizzarci immediatamente sui significanti profondi, che proprio da questa piattezza prendono forza per proiettarci in una di quelle domeniche morte, noiose, in cui l’unica attività possibile resta quella di osservare inerti il tempo che passa. Questo sembra fare la coppia all’interno dell’auto. Si immaginano due signori di una certa età, un lungo matrimonio alle spalle, figli ormai grandi, forse lontani. E loro, nulla da dirsi che già non sappiano, l’uno dell’altro, delle cose. Una passione che non pulsa più, un sentimento che non necessita di alcun gesto per esprimersi, solo una paziente, caritatevole condivisione della noia. L’apoteosi dell’intimità è rappresentata dalla sua stessa morte.
Detta così, questa fotografia avrebbe tutti i requisiti per risultare depressiva, ma c’è un elemento che tiene viva la curiosità, e impedisce che si sprofondi nella tristezza: è la targa. L’elemento grafico forte di questa immagine, l’unico tratto identitario riconoscibile, antidoto dell’anomia. Una semplice sequenza alfanumerica che appare familiare e strana ad un tempo, facile da memorizzare, eppure enigmatica. Sembra un’espressione algebrica, un’equazione. La dimensione archetipica di questa immagine fa sì che essa diventi una formula esistenziale, un codice genetico che cela i segreti della vita. Quella capacità di continuare a sentirsi vivi, anche quando tutto intorno a noi pare regnare una fredda e mesta routine. Come in certe noiose, fredde, domeniche invernali.

Nota a margine.
Questa foto rappresenta l’ennesima dimostrazione di quanto la fotografia sia insincera, e proprio quando essa sembri più realistica. In questa immagine risulta pregnante il senso della solitudine, i due protagonisti sembrano isolati da tutto e da tutti, immersi in una solitaria visione del Mare d’Irlanda, distanti mille miglia da altre presenze vitali.
In realtà, la foto è scattata in un parcheggio molto frequentato, il soggetto è inquadrato con un teleobiettivo da 85mm. Solo i due posti alla destra e alla sinistra sono liberi, ma per noi quella coppia, dentro un’auto recante la formula della vita, sarà per sempre dispersa in una costiera desolata del nord dell’Inghilterra. Unica flebile presenza umana di fronte all’immensità dell’oceano.
Ultima modifica di Carlo Riggi il dom dic 09, 2018 9:06 am, modificato 3 volte in totale.
Ciao
Carlo

Avatar utente
MarcoBiancardi
Messaggi: 1967
Iscritto il: mar gen 16, 2018 10:37 am
Località: Milano
Contatta:

Re: Gianni Berengo Gardin – Gran Bretagna

Messaggio da MarcoBiancardi » sab dic 08, 2018 6:10 pm

Sì, questa foto è davvero un classico, è davvero iconica di quello strano per noi europei contenentali e attraente paese che è la Gran Bretagna.
La foto fa parte del libro pubblicato tanti anni fa per il Touring Club, dedicato appunto a quella nazione.

Ho sentito a una conferenza pochi giorni fa l'autore dire più o meno testualmente queste parole:
"Ho lavorato poco per i giornali, a me i giornali non hanno mai dato lavoro, io invece ho fatto tanti libri.
Ne ho fatti più di 250 (e rotti, aggiungo io, non ricordo il numero esatto che ha detto).
Per la maggior parte si è trattato di libri "commerciali" (fatti per vendere, voleva dire, anche lui tiene famiglia), ma devo dire che tra tutti questi tanti ce n'è anche una minoranza, diciamo una trentina dei miei libri, che senza falsa modestia sono invece davvero molto buoni".

Il libro sulla Gran Bretagna edito del Touring è senz'altro "commerciale", ma la foto dell'utilitaria in riva al mare è senz'altro, nella sua semplicità, uno dei suoi capolavori.

Avatar utente
Maucas
Messaggi: 335
Iscritto il: lun feb 12, 2018 1:49 am

Re: Gianni Berengo Gardin – Gran Bretagna

Messaggio da Maucas » sab dic 08, 2018 11:53 pm

Molto interessante. Non conoscevo la reale situazione in cui fu scattata...L'ho conosciuto personalmente a Corigliano Calabro,persona molto affabile e disponibile. Forse troppo,dal momento che la sua figura viene spesso usata per una,credo,inconsapevole pubblicità da parte di un noto negoziante milanese...
Questa,insieme a quella dei giovani col grammofono sulla sabbia e molte altre,una delle mie preferite,mentre nella famosissima "vaporetto" non ci trovo,a parte il gioco dei riflessi,niente di particolare... :roll:
Maurizio Cassese

Avatar utente
Carlo Riggi
Messaggi: 2230
Iscritto il: mar gen 16, 2018 12:27 pm
Località: Milazzo
Contatta:

Re: Gianni Berengo Gardin – Gran Bretagna

Messaggio da Carlo Riggi » dom dic 09, 2018 8:44 am

MarcoBiancardi ha scritto:
sab dic 08, 2018 6:10 pm
Per la maggior parte si è trattato di libri "commerciali"
E gli altri, sono forse "artistici"?..
Ma lui non può dirlo, per partito preso.
Proprio un vezzo d'artista, questo suo rifiutare con sdegno l'appellativo di artista. :)
Ciao
Carlo

Avatar utente
Carlo Riggi
Messaggi: 2230
Iscritto il: mar gen 16, 2018 12:27 pm
Località: Milazzo
Contatta:

Re: Gianni Berengo Gardin – Gran Bretagna

Messaggio da Carlo Riggi » dom dic 09, 2018 8:47 am

Maucas ha scritto:
sab dic 08, 2018 11:53 pm
la sua figura viene spesso usata per una,credo,inconsapevole pubblicità da parte di un noto negoziante milanese...
Ognuno fa il suo mestiere, Maurizio. In questo caso, lo fanno molto bene entrambi. E non credo che nessuno dei due sia "inconsapevole".
Ciao
Carlo

Avatar utente
Giuseppe Pagano
Messaggi: 20
Iscritto il: mer feb 14, 2018 8:49 pm
Contatta:

Re: Gianni Berengo Gardin – Gran Bretagna

Messaggio da Giuseppe Pagano » dom gen 06, 2019 10:45 pm

Rimanendo nella collana del Touring, "Finlandia Norvegia Svezia" è veramente un ottimo lavoro di Berengo Gardin, molto poetico a mio avviso. Un libro che si trova in rete per pochissimi euro.
Giuseppe Pagano
www.giuseppepagano.eu

Avatar utente
Carlo Riggi
Messaggi: 2230
Iscritto il: mar gen 16, 2018 12:27 pm
Località: Milazzo
Contatta:

Re: Gianni Berengo Gardin – Gran Bretagna

Messaggio da Carlo Riggi » gio gen 17, 2019 7:10 pm

Giuseppe, grazie!
L'ho preso - confermo, a pochi euro -, veramente un gran libro!
Ciao
Carlo

Rispondi