Ossigeno

Gli autori propongono le proprie immagini, come opere singole, progetti e lavori, per ricevere commenti, critiche, consigli e opinioni
Rispondi
Avatar utente
MarcoBiancardi
Messaggi: 2498
Iscritto il: mar gen 16, 2018 10:37 am
Località: Milano
Contatta:

Ossigeno

Messaggio da MarcoBiancardi » dom mar 22, 2020 12:27 pm

Se ci sembra che a stare in casa ci manchi l'aria, resistiamo e pensiamo a chi l'aria gli manca per davvero.

3484

Lorenzo
Messaggi: 304
Iscritto il: mer feb 21, 2018 5:53 pm

Re: Ossigeno

Messaggio da Lorenzo » lun mar 23, 2020 11:30 am

Caro Marco, è l'immagine che fa mancare l'aria, scava nel nostro rimosso, ci interpella su quello che cerchiamo perfino di sterilizzare nella nostra immaginazione. Apprezzo l'intenzione e te ne sono grato. Speriamo.. Un saluto Lorenzo

Avatar utente
MarcoBiancardi
Messaggi: 2498
Iscritto il: mar gen 16, 2018 10:37 am
Località: Milano
Contatta:

Re: Ossigeno

Messaggio da MarcoBiancardi » mar mar 24, 2020 8:20 am

Molte grazie, Lorenzo stiamo uniti e speriamo davvero.

otto
Messaggi: 1475
Iscritto il: lun feb 12, 2018 12:38 am

Re: Ossigeno

Messaggio da otto » mar mar 24, 2020 1:32 pm

non trovo le parole giuste per commentare questa foto...

mi permetto di condividere quella che trovo una bellissima riflessione dello psicologo Morelli:

“Credo che il cosmo abbia il suo modo di riequilibrare le cose e le sue leggi, quando queste vengono stravolte.
Il momento che stiamo vivendo, pieno di anomalie e paradossi, fa pensare...
In una fase in cui il cambiamento climatico causato dai disastri ambientali è arrivato a livelli preoccupanti, la Cina in primis e tanti paesi a seguire, sono costretti al blocco; l'economia collassa, ma l'inquinamento scende in maniera considerevole. L'aria migliora; si usa la mascherina, ma si respira...

In un momento storico in cui certe ideologie e politiche discriminatorie, con forti richiami ad un passato meschino, si stanno riattivando in tutto il mondo, arriva un virus che ci fa sperimentare che, in un attimo, possiamo diventare i discriminati, i segregati, quelli bloccati alla frontiera, quelli che portano le malattie. Anche se non ne abbiamo colpa. Anche se siamo bianchi, occidentali e viaggiamo in business class.

In una società fondata sulla produttività e sul consumo, in cui tutti corriamo 14 ore al giorno dietro a non si sa bene cosa, senza sabati nè domeniche, senza più rossi del calendario, da un momento all'altro, arriva lo stop.
Fermi, a casa, giorni e giorni. A fare i conti con un tempo di cui abbiamo perso il valore, se non è misurabile in compenso, in denaro.
Sappiamo ancora cosa farcene?

In una fase in cui la crescita dei propri figli è, per forza di cose, delegata spesso a figure ed istituzioni altre, il virus chiude le scuole e costringe a trovare soluzioni alternative, a rimettere insieme mamme e papà con i propri bimbi. Ci costringe a rifare famiglia.

In una dimensione in cui le relazioni, la comunicazione, la socialità sono giocate prevalentemente nel "non-spazio" del virtuale, del social network, dandoci l'illusione della vicinanza, il virus ci toglie quella vera di vicinanza, quella reale: che nessuno si tocchi, niente baci, niente abbracci, a distanza, nel freddo del non-contatto.
Quanto abbiamo dato per scontato questi gesti ed il loro significato?

In una fase sociale in cui pensare al proprio orto è diventata la regola, il virus ci manda un messaggio chiaro: l'unico modo per uscirne è la reciprocità, il senso di appartenenza, la comunita, il sentire di essere parte di qualcosa di più grande di cui prendersi cura e che si può prendere cura di noi. La responsabilità condivisa, il sentire che dalle tue azioni dipendono le sorti non solo tue, ma di tutti quelli che ti circondano. E che tu dipendi da loro.

Allora, se smettiamo di fare la caccia alle streghe, di domandarci di chi è la colpa o perché è accaduto tutto questo, ma ci domandiamo cosa possiamo imparare da questo, credo che abbiamo tutti molto su cui riflettere ed impegnarci.
Perchè col cosmo e le sue leggi, evidentemente, siamo in debito spinto.
Ce lo sta spiegando il virus, a caro prezzo."

(Cit. F. MORELLI)


un saluto,
otto.

Avatar utente
Carlo Riggi
Messaggi: 2801
Iscritto il: mar gen 16, 2018 12:27 pm
Località: Milazzo
Contatta:

Re: Ossigeno

Messaggio da Carlo Riggi » mar mar 24, 2020 1:43 pm

Caro Marco, premetto che la foto è molto bella e, in questo momento, particolarmente significativa. Approvo senz'altro.
Però, ti chiedo di spiegarmi in cosa questa foto si differenzia da quelle di altre persone in difficoltà, che in qualche occasione hai stigmatizzato. V. la mia "Doppia velocità", per esempio.
Ciao
Carlo

Avatar utente
MarcoBiancardi
Messaggi: 2498
Iscritto il: mar gen 16, 2018 10:37 am
Località: Milano
Contatta:

Re: Ossigeno

Messaggio da MarcoBiancardi » mar mar 24, 2020 2:32 pm

otto ha scritto:
mar mar 24, 2020 1:32 pm
non trovo le parole giuste per commentare questa foto...

mi permetto di condividere quella che trovo una bellissima riflessione dello psicologo Morelli:


un saluto,
otto.
Grazie Otto, anche per la condivisione di questo testo, che avevo letto e apprezzato anch’io.

Avatar utente
MarcoBiancardi
Messaggi: 2498
Iscritto il: mar gen 16, 2018 10:37 am
Località: Milano
Contatta:

Re: Ossigeno

Messaggio da MarcoBiancardi » mar mar 24, 2020 2:58 pm

Carlo Riggi ha scritto:
mar mar 24, 2020 1:43 pm
Caro Marco, premetto che la foto è molto bella e, in questo momento, particolarmente significativa. Approvo senz'altro.
Però, ti chiedo di spiegarmi in cosa questa foto si differenzia da quelle di altre persone in difficoltà, che in qualche occasione hai stigmatizzato. V. la mia "Doppia velocità", per esempio.
Grazie per l’apprazzamento, Carlo.
Quanto alla tua domanda, si tratta di una foto scattata in una situazione vissuta tante volte durante il mio impegno lavorativo diretto per registrare e conservare per me anche la mia intensa partecipazione emotiva, sapendo bene di dover rispettare la riservatezza del mio paziente.
Un’immagine che non ho mai pensato prima di pubblicare, proprio perché la considero molto intima, mia e di quella persona: il mio lavoro e lo scopo della mia vita, non uno scatto di street photograohy. Ho pensato però che in questa sede ristretta di pochi amici e in questo momento particolare potesse avere un senso mostrarvela. Certamente non la vedrete mai sui social.

Avatar utente
Carlo Riggi
Messaggi: 2801
Iscritto il: mar gen 16, 2018 12:27 pm
Località: Milazzo
Contatta:

Re: Ossigeno

Messaggio da Carlo Riggi » mar mar 24, 2020 3:12 pm

Come si fa nei Question time alla Camera ti dico che la tua risposta non soddiafa il mio quesito, ma ti ringrazio lo stesso. :)
In fondo, pensandoci, è giusto che non soddisfi il mio quesito, perché nessuno ha accusato te per la tua foto, e infatti non hai nulla da giustificare. Quel che non si capisce è perché le tue valide motivazioni non valgano per altre foto simili.
Non dirmi che è questione di ampiezza della platea: se le intenzioni sono valide, lo sono per pochi intimi come per tanti.
Ciao
Carlo

Avatar utente
MarcoBiancardi
Messaggi: 2498
Iscritto il: mar gen 16, 2018 10:37 am
Località: Milano
Contatta:

Re: Ossigeno

Messaggio da MarcoBiancardi » mar mar 24, 2020 8:33 pm

Grazie ancora Carlo, tuttavia onestamente non saprei che altro aggiungere, non riuscendo a trovare alcun elemento comune tra le due foto.

Avatar utente
Carlo Riggi
Messaggi: 2801
Iscritto il: mar gen 16, 2018 12:27 pm
Località: Milazzo
Contatta:

Re: Ossigeno

Messaggio da Carlo Riggi » mar mar 24, 2020 11:03 pm

E' una discussione che andrebbe meglio fatta a tu per tu, con l'evidenza anche mimica di un atteggiamento sereno, corroborato da un bel bicchierino. :)
Non c'è nessuna intenzione polemica, com'è ovvio, ma se mi dici che non vedi alcun elemento comune tra le due foto, allora mi inviti ad una replica a cui non posso sottrarmi.
Io vedo in entrambe una persona in evidente stato di difficoltà. In entrambe le foto l'autore non ha inteso indulgere in elementi identificativi delle persone ritratte, non ha avuto un atteggiamento morboso, ma ha tratto spunto dalla loro condizione iconica per favorire delle riflessioni: una, richiamante una condizione di emergenza attuale, l'altra, legata alle differenze sociali, non meno attuale.
Uno scarto tra le due foto c'è, in effetti: in una, l'uomo ripreso è in una condizione che senza dubbio non ha desiderato e da cui vorrebbe uscire; nell'altra non sappiamo, la sua condizione potrebbe anche essere una scelta di vita.
Entrambe le foto mettono a disagio l'osservatore, ma forse in un caso, per quel che ne sappiamo, a disagio potrebbe essere solo l'osservatore, con il soggetto semplicemente e serenamente dentro la propria vita.
Ciao
Carlo

Avatar utente
MarcoBiancardi
Messaggi: 2498
Iscritto il: mar gen 16, 2018 10:37 am
Località: Milano
Contatta:

Re: Ossigeno

Messaggio da MarcoBiancardi » sab mar 28, 2020 8:12 am

Accetto il bicchierino intanto!
A quattrocchi ci si spiega meglio senz’altro.
Grazie Carlo.

Rispondi