L'orologio di Comacchio

Le foto dei Maestri
Rispondi
Avatar utente
MarcoBiancardi
Messaggi: 1489
Iscritto il: mar gen 16, 2018 10:37 am
Località: Milano
Contatta:

L'orologio di Comacchio

Messaggio da MarcoBiancardi » mer dic 26, 2018 2:14 pm

fotografia di PIergiorgio Branzi , del 1955.

2507

ricorro alle parole dell'autore stesso, citando direttamente alcuni suoi pensieri a commento di questa che è tra le sue la fotografia che amo di più:

... è certo che la realtà la vediamo attraverso il fondo di bottiglia dell’obiettivo, ma è altrettanto certo che la creazione dell’ “immagine” attiva le corde della nostra sensibilità, della nostra cultura non solo figurativa: coinvolge la coscienza sociale, il livello “etico” dell’autore, lo responsabilizza. In ultima analisi “l’immagine finale” proviene dal più profondo del nostro essere, dalla nostra stessa identità. E ci scopre e ci smaschera. Ci aiuta Oscar Wilde: «Qualunque ritratto, dipinto con intelletto ed empatia, è un ritratto dell’artista e non del modello. Il modello non è che l’occasione. Non è lui che è rivelato dal pittore, ma è il pittore che rivela sé stesso ...

... definirei la mia opera fotografica "realista", più che neorealista: o meglio parlerei di "realismo-formale" a valenza sociale. Il mio ralismo era uno sguardo di attenzione, di compassione verso quella realtà, il tentativo di tradurre quelle sensazioni in buone immagini, formalmente corrette.

... Mi sorpassa un ragazzo con sulle spalle un enorme orologio. Grande e rotondo, come quelli che si usava portare nella tasca del gilet appeso a una robusta catenella ... Funziona, sento il tic-tac, ma le lancette sono irrequiete, saltellano irregolarmente a ogni sobbalzo. Convinco il ragazzo a fermarsi e farsi fotografare. C'è un' ampia pozzanghera nella stradina, al centro di una quinta di muri corrosi. Il quadrante si riflette nello specchio d'acqua, si sdoppia, mi offre la chiave di lettura che cercavo di questo intrigante lembo di terra, dove il tempo sembra essersi fermato, sospeso in un silenzio d'acquario, una muta inquietudine metafisica .... Sopraggiunge un adulto che preleva il bizzarro orologio fuori misura, che segna il tempo con enigmatica indefinitezza, lo porta alla sua naturale destinazione: insegna pubblicitaria di un orologiaio.

Avatar utente
Carlo Riggi
Messaggi: 1683
Iscritto il: mar gen 16, 2018 12:27 pm
Località: Milazzo
Contatta:

Re: L'orologio di Comacchio

Messaggio da Carlo Riggi » mer dic 26, 2018 7:35 pm

Questa foto deve certamente buona parte della sua fortuna alla pozzanghera e al riflesso, ma ho sempre pensato che sarebbe stata meglio senza.
Ciao
Carlo

Avatar utente
Maucas
Messaggi: 230
Iscritto il: lun feb 12, 2018 1:49 am

Re: L'orologio di Comacchio

Messaggio da Maucas » mer dic 26, 2018 7:56 pm

Questa è una di quelle che rimangono impresse nella memoria...
Maurizio Cassese

Avatar utente
Sergio Lovisolo
Messaggi: 539
Iscritto il: mer gen 31, 2018 8:31 pm

Re: L'orologio di Comacchio

Messaggio da Sergio Lovisolo » mer dic 26, 2018 9:44 pm

Carlo Riggi ha scritto:
mer dic 26, 2018 7:35 pm
Questa foto deve certamente buona parte della sua fortuna alla pozzanghera e al riflesso, ma ho sempre pensato che sarebbe stata meglio senza.
Ci sono casi,molto frequenti, in cui la spiegazione satura l'immagine.
Ora sappiamo che è stata costruita anticipando photoshop, introducendo per giunta
un elemento, come quello del riflesso, che rischia sempre il luogo comune.
Meglio senza, come dice Carlo, e soprattutto meglio senza storicizzazione.
Ciao.
Sergio

Avatar utente
MarcoBiancardi
Messaggi: 1489
Iscritto il: mar gen 16, 2018 10:37 am
Località: Milano
Contatta:

Re: L'orologio di Comacchio

Messaggio da MarcoBiancardi » mer dic 26, 2018 11:37 pm

Io non sono d’accordo con Carlo e Sergio nel ritenere superfluo il ruolo del riflesso nella pozza. Lo considero invece fondamentale per la narrazione di quelle terre del delta del grande fiume, dove acqua e terra sono profondamente frammiste, legate e intrecciate in quel dedalo di canali e corsi minori del Po, e dove terra e cielo sono anch’essi fusi nel riflesso di esso nelle distese liquide.
L’aver inserito il piccolo specchio d’acqua nella fotografia è per me l’atto autoriale che ha creato l’icona adatta per raccontare accanto alla vita anche la geografia del luogo,

Avatar utente
Sergio Lovisolo
Messaggi: 539
Iscritto il: mer gen 31, 2018 8:31 pm

Re: L'orologio di Comacchio

Messaggio da Sergio Lovisolo » gio dic 27, 2018 9:18 pm

Nel 1955 in Italia esistevano decine di migliaia di scorci completamente assimilabili a quello della foto, tutti regolarmente dotati di pozzanghera dopo ogni acquazzone. Non vedo pertanto alcuna relazione che la faccia diventare icona del delta del Po se non il titolo e la spiegazione dell'autore.
Cosa ci saremmo inventati se il titolo fosse stato "bambino con orologio, Carate Brianza 1955"?
La foto ha qualche merito per la fortuna dell'incontro e per "l'esserci stato" del fotografo. Perchè saturarla con
l'eccesso di significazione?
Ciao.
Sergio

Rispondi