Sull'acquisto compulsivo (nota minima)

Opinioni e idee sulla fotografia
Rispondi
Avatar utente
Carlo Riggi
Messaggi: 1589
Iscritto il: mar gen 16, 2018 12:27 pm
Località: Milazzo
Contatta:

Sull'acquisto compulsivo (nota minima)

Messaggio da Carlo Riggi » sab set 29, 2018 7:43 am

L'acquisto spasmodico di apparecchi fotografici è come il sesso: da giovane lo fai per individuarti e scoprire chi sei; da adulto lo fai per affermarti e mettere a frutto le tue prerogative; da vecchio cerchi di farlo per provare a te stesso la tua sopravvivenza e la sussistenza delle tue residue energie vitali.
Ciao
Carlo

Avatar utente
Ottavio Colosio
Messaggi: 63
Iscritto il: mer feb 14, 2018 10:31 pm
Località: Milano - Bergamo

Re: Sull'acquisto compulsivo (nota minima)

Messaggio da Ottavio Colosio » sab set 29, 2018 9:31 am

Allora vuol dire che io son gia' trapassato,
come e' che da tempo non mi dedico piu' a compra e cambia ma al contrario ottimizzo in base alle foto che voglio fare.... sta per succedere qualcosa..sono preoccupato....per non parlare dello stop alla ricerca di traguardi ( forse perche' non esistono ) come le immagini zuccherose e lo sfocato vaporoso. :D
Saluti

Ottavio


Matematicamente parlando, la fotografia è un'applicazione lineare da R3 in R2

Avatar utente
MarcoBiancardi
Messaggi: 1408
Iscritto il: mar gen 16, 2018 10:37 am
Località: Milano
Contatta:

Re: Sull'acquisto compulsivo (nota minima)

Messaggio da MarcoBiancardi » sab set 29, 2018 9:42 am

Interessante Carlo questo parallelismo che proponi con l impulso vitale del sesso.
Inoltre nella vecchiaia quella compulsione all’acquisto che gli anglofoni chiamano G.A.S. può rappresentare forse un surrogato del possesso sessuale, ahimè destinato naturalmente ad esaurirsi.
Finché non arriva quel poco di saggezza dell’età e di pace dei sensi, la comprensione che non è il
possesso di nuovi strumenti a fare di ciascuno un buon fotografo, quanto invece il mantenere sempre vivo l’interesse, la curiosità, la voglia di sperimentare.

Esattamente come il sesso 😉
Certo questa sorta di appagamento e pace interiore sono molto più facili da raggiungere se alle spalle c’è stato tanto sesso e molti acquisti fotografici.
😉

Avatar utente
Carlo Riggi
Messaggi: 1589
Iscritto il: mar gen 16, 2018 12:27 pm
Località: Milazzo
Contatta:

Re: Sull'acquisto compulsivo (nota minima)

Messaggio da Carlo Riggi » sab set 29, 2018 10:30 am

:D

Ottavio Colosio ha scritto:
sab set 29, 2018 9:31 am
Allora vuol dire che io son gia' trapassato,
come e' che da tempo non mi dedico piu' a compra e cambia ma al contrario ottimizzo in base alle foto che voglio fare....
Caro Ottavio, per fortuna l'esperienza e la pratica eccedono sempre le teorie che intendono imbrigliarle. ;)
Ciao
Carlo

Avatar utente
Ottavio Colosio
Messaggi: 63
Iscritto il: mer feb 14, 2018 10:31 pm
Località: Milano - Bergamo

Re: Sull'acquisto compulsivo (nota minima)

Messaggio da Ottavio Colosio » sab set 29, 2018 11:52 am

Mi sono dimenticato anche del File croccante.. :roll:
..a parte gli scherzi ( che poi non lo sono mica tanto ) e tornando al punto, mi chiedo quale sia il fine di questa perpetua oscillazione fra l'acquisto e la vendita per poi ricominciare in un loop infinito ( e senza un fine )...francamente fatico a trovarci un nesso con la fotografia..nel senso che ci potremmo agitare nella compravendita di altro finendo nello stesso tunnel e con sommo piacere di commercianti diversi dal settore fotografico.
Vero' e' che la ricerca di un fine e' un passaggio tipicamente umano; o il fine non c'e' e il tutto si risolve con un piacere dell'azione e della novita', oppure c'e' e risiede in un successivo passaggio ancora da raggiungere.
Saluti

Ottavio


Matematicamente parlando, la fotografia è un'applicazione lineare da R3 in R2

Avatar utente
Carlo Riggi
Messaggi: 1589
Iscritto il: mar gen 16, 2018 12:27 pm
Località: Milazzo
Contatta:

Re: Sull'acquisto compulsivo (nota minima)

Messaggio da Carlo Riggi » sab set 29, 2018 12:43 pm

Beh, credo che la risposta sia nel potere antidepressivo dell'acquisto. Effetto che i commercianti conoscono bene, e che ovviamente riguarda tutti i settori. Nel nostro specifico, credo che ci sia un di più legato alla seduzione feticistica dei nostri strumenti: i fotografi hanno un particolare legame con i propri attrezzi, anche perché sono degli straordinari giocattoli tecnologici.
Il poterli acquistare testimonia della nostra capacità di desiderare e di esaudire desideri, cosa che richiama il mio post originale.
Ovvio che si tratta di un circolo vizioso, poiché spendere dei soldi con l'illusione che il tal prodotto ti consentirà di ottenere risultati mirabolanti non può che produrre frustrazione, delusione e ulteriore tristezza. Tanto vale essere consapevoli fin da subito della funzione meramente antidepressiva di questa frenesia. Ci si diverte, si spende quel che si deve in chiave terapeutica, e poi si rivende il tutto, sapendo che è una partita di giro.
Va da sé che una valida progettualità e una solida gratificazione professionale allontanano le ossessioni da shopping compulsivo. Ma non sempre questa progettualità è sufficiente, ci sono fasi della vita in cui prevale un calo libidico, ideativo, creativo, quello che comunemente chiamiamo "depressione". Quando nel mio post parlo di vecchiaia non è detto che mi riferisca necessariamente e strettamente all'età anagrafica.
Ciao
Carlo

Avatar utente
Maucas
Messaggi: 208
Iscritto il: lun feb 12, 2018 1:49 am

Re: Sull'acquisto compulsivo (nota minima)

Messaggio da Maucas » sab set 29, 2018 2:43 pm

Eccomi :D
A me è capitato spesso di rivendere obiettivi coi quali non avevo nemmeno scattato una foto...Feticismo,si,il piacere di possedere "quello"obiettivo,di cui ne parlano entusiasti...e spesso basta averlo...poi magari rivenderlo rimettendoci sempre soldi...
Comprare e riempirsi di attrezzature per poi passare alla seconda fase: il famoso "razionalizzare il corredo" quando si capisce che avere tanta roba porta solo a dubbi ed indecisioni sul cosa utilizzare, (s)vendendo tutto quello "sacrificabile" per poi ricominciare a desiderare qualcosa'altro...Un circolo vizioso ad esclusivo vantaggio dei venditori...
Però c'è pure la parte piacevole della cosa,per un appassionato di fotografia,l'aver potuto provare e scattare fotografie con Nikon,Leica,Rolleiflex,Contax,Canon,Mamiya,Fuji,Yashica.....non è forse,indipendentemente dai risultati,la cosa che più gratifica? È un po' un gioco,costoso,ma un gioco...
Proprio l'altro giorno ho scritto un post su LP che inizia con:"ciao,mi chiamo Maurizio e non compro un obiettivo da 48 ore..." :mrgreen:

Poi ci sono pure quelli che: il super angulon R 21/4 ? Ottica bellissima,zero distorsioni..maf a 20cm..
che dovrebbero assumersi le proprie responsabilità !! :roll:
Maurizio Cassese

Avatar utente
Carlo Riggi
Messaggi: 1589
Iscritto il: mar gen 16, 2018 12:27 pm
Località: Milazzo
Contatta:

Re: Sull'acquisto compulsivo (nota minima)

Messaggio da Carlo Riggi » dom set 30, 2018 8:06 am

C'è un certo signore, nella Padania nipponica, che se non ci fossi dovrebbe inventarti. E indirettamente anche me. :mrgreen:
Ciao
Carlo

Ivan
Messaggi: 130
Iscritto il: lun apr 23, 2018 9:04 am

Re: Sull'acquisto compulsivo (nota minima)

Messaggio da Ivan » dom set 30, 2018 10:04 am

Io credo che meno attrezzatura si possiede e più si scatta, meno si pensa all'attrezzatura e più ci si concentra sull'immagine e sul suo messaggio, su cosa vuole dalla fotografia.

Personalmente sono in una fase della cosiddetta razionalizzazione non intesa come mera vendita, ma alla ricerca di migliorare la mia attrezzatura rendendola minimale (non dico una fotocamera ed un'ottica, ma quasi) cercando solo la miglior qualità soggettiva che posso ottenere d tutta la filiera (ottica, pellicola, sviluppo, stampa) così da ottenere il risultato che più mi piace.

Rispondi