la musica di strada

Gli autori propongono le proprie immagini, come opere singole, progetti e lavori, per ricevere commenti, critiche, consigli e opinioni
Rispondi
Avatar utente
MarcoBiancardi
Messaggi: 2264
Iscritto il: mar gen 16, 2018 10:37 am
Località: Milano
Contatta:

la musica di strada

Messaggio da MarcoBiancardi » sab mag 30, 2020 9:48 am

Quanto mi sono mancati i miei amici musicisti di strada !

3394

otto
Messaggi: 1248
Iscritto il: lun feb 12, 2018 12:38 am

Re: la musica di strada

Messaggio da otto » sab mag 30, 2020 12:26 pm

bello il riflesso distorto della scena urbana ed edifici (ricorda il palazzo della civiltà), anche se un pelo sovraesposti....

otto.

Avatar utente
MarcoBiancardi
Messaggi: 2264
Iscritto il: mar gen 16, 2018 10:37 am
Località: Milano
Contatta:

Re: la musica di strada

Messaggio da MarcoBiancardi » sab mag 30, 2020 5:54 pm

Grazie Otto.
Secondo i sacri testi nei riflessi metallici anche il bianco puro ci può stare, se non è parte principale del soggetto ripreso.
Comunque sul negativo originale e sulla stampa analogica il dettaglio è conservato anche lì.

otto
Messaggi: 1248
Iscritto il: lun feb 12, 2018 12:38 am

Re: la musica di strada

Messaggio da otto » sab mag 30, 2020 9:20 pm

perdonami Marco, ma ci tengo a precisare che ritengo perfetta la realizzazione del fotogramma a livello tecnico specie dal punto di vista esposimetrico, io mi riferivo "alla foto nella foto", e' li' che mi cade lo sguardo, nel cono di uscita del sassofono, dove intravedo una scena urbana con tanto di laghetto tutta distorta e mi pace concentrandomi su quel dettaglio....e' il luogo dove si diffonde la musica che esce dal cono e allo stesso tempo e' il cono dello strumento che si riempie dello stesso luogo...scusate il loop, devo aver mangiato pesante.
avrei voluto vedere meglio quel luogo nel riflesso, ma siamo nei limiti tecnici fotografici, tutto qui...

otto.

Avatar utente
MarcoBiancardi
Messaggi: 2264
Iscritto il: mar gen 16, 2018 10:37 am
Località: Milano
Contatta:

Re: la musica di strada

Messaggio da MarcoBiancardi » dom mag 31, 2020 8:59 am

Di nuovo grazie, Otto e nulla da perdonare.
Grazie anzi per aver saputo leggere così personalmente e musicalmente la mia foto, che per me era concentrata sulla mano del sassofonista, ma tu hai originalmente interpretato concentrandoti sull’immaginario evocato dal suono che esce dallo strumento.

Avatar utente
Carlo Riggi
Messaggi: 2517
Iscritto il: mar gen 16, 2018 12:27 pm
Località: Milazzo
Contatta:

Re: la musica di strada

Messaggio da Carlo Riggi » dom giu 07, 2020 10:38 am

La foto è ottima. Visto che siamo sui rilievi tecnici, dopo la bella lettura di Otto, mi chiedo se un punto di vista così chiuso, valorizzando le forme più che il racconto, non avrebbe gradito anche una scala tonale più cruda, con neri più profondi e contrasto più vivace.
Ciao
Carlo

Avatar utente
MarcoBiancardi
Messaggi: 2264
Iscritto il: mar gen 16, 2018 10:37 am
Località: Milano
Contatta:

Re: la musica di strada

Messaggio da MarcoBiancardi » dom giu 07, 2020 1:25 pm

Grazie, Carlo.
La foto, scattata in ombra e con luce diffusa e priva di contrasto, è volutamente così, senza neri e senza esagerazioni. Anche se so che non va molto di moda oggi, basta un veloce giro sui social, per vedere quasi esclusivamente immagini in bianco e nero con la gamma tonale tagliata con l’accetta ;)

Avatar utente
Carlo Riggi
Messaggi: 2517
Iscritto il: mar gen 16, 2018 12:27 pm
Località: Milazzo
Contatta:

Re: la musica di strada

Messaggio da Carlo Riggi » dom giu 07, 2020 4:22 pm

Certo, la moda è quella. Ma io mi riferivo più che altro al commento di Otto, pensavo con quanta forza ulteriore sarebbe emerso quel suo lago di luce se tutto il fotogramma fosse stato trattato in chiave più scura.
Ma naturalmente stiamo parlando di tre differenti visioni intrecciate tra loro. :)
Ciao
Carlo

Avatar utente
MarcoBiancardi
Messaggi: 2264
Iscritto il: mar gen 16, 2018 10:37 am
Località: Milano
Contatta:

Re: la musica di strada

Messaggio da MarcoBiancardi » dom giu 07, 2020 8:24 pm

grazie, Carlo, una volta ancora.
Certo, ogni immagine catturata sul negativo o altro ha infinite possibilità interpretative successive, tutte lecite.

Rispondi